menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Divisione Subacquea

Gli occhi e le braccia operative dell’associazione

al di sotto della superficie del mare

 

Nel 1992 nasce la Divisione Subacquea di Marevivo con l’obiettivo di coinvolgere attivamente il mondo della subacquea in iniziative finalizzate a monitorare lo stato di salute del mare, prevenire i meccanismi di degrado ed alterazione dell’ecosistema marino e attivare azioni rivolte alla conoscenza, valorizzazione e divulgazione del patrimonio marino.
 
La Divisione Subacquea si avvale di un Coordinamento Nazionale il cui compito è quello di organizzare e sostenere manifestazioni in difesa del mare, contrastare situazioni di illegalità, promuovere campagne di ricerca nei fondali italiani di maggior interesse dal punto di vista biologico; inoltre si occupa di raccogliere le adesioni di enti, circoli, associazioni, diving o singoli subacquei, nonché aiutare gli stessi nell’attuazione di iniziative rivolte alla conoscenza e alla valorizzazione del mare.
 
Entrare a far parte della Divisione Subacquea significa:
 
·         Sensibilizzare e promuovere il rispetto e la tutela ambientale
·         Segnalare le emergenze e gli abusi ambientali
·         Partecipare attivamente a campagne e iniziative indette da Marevivo – Divisione Subacquea
·         Educare i subacquei ad un corretto approccio con l’ambiente marino
·         Coordinare i gruppi di lavoro in occasione di spedizioni o interventi
·         Segnalare la presenza di rifiuti sommersi come reti fantasma, batterie, pneumatici, plastica
·         Segnalare la presenza di meduse, tartarughe marine, cetacei

 

Per aderire manda un'email a divisionesub@marevivo.it

 

Dal 16 al 22 aprile 2018 la divisione subacquea Marevivo ha condotto uno studio nelle profondità marine tra Liguria e Toscana per valutare la salute dell’ambiente e studiare l’evoluzione della biodiversità di alcune specie:

 

 

 

 

 

 

 

SCHEDE DI RILEVAMENTO

Le vostre segnalazioni sono importantissime per mappare la presenza di alcuni fra i rifiuti più inquinanti e per monitorare la quantità e la tipologia di meduse presenti nei nostri mari. A chi compilerà online almeno 20 schede di avvistamento verrà attribuito il titolo di Guardiano Ecologico di Marevivo e riceverà via mail il relativo attestato.