menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

A Bari Marevivo e Guardia Costiera contro il "Mare Mostro"

E’ partita da Bari una nuova e decisiva fase di “Mare mostro”, la campagna sull’impatto della plastica in mare, promossa, in questi mesi, da Marevivo: questa volta al fianco dei volontari dell’associazione si sono alleati gli uomini e le donne del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

Nei prossimi mesi, tutte le 15 direzioni marittime delle Capitanerie di Porto in Italia saranno coinvolte in un percorso che prevede incontri di formazione con il personale e con gli “stakeholder” del mare. Ogni giorno la Guardia Costiera protegge i nostri mari, si occupa della sicurezza in mare, della tutela dell'ambiente marino, della vigilanza sulla  filiera della pesca marittima, ma ci sono sempre nuove minacce da fronteggiare, come un mostro apparentemente inarrestabile, indistruttibile e che si insinua persino nella catena alimentare dell’uomo: la plastica. E non bisogna farsi cogliere impreparati.

Per capire come affrontare il problema e mettere insieme istituzioni, associazioni e università, ieri, presso  il terminal del Porto di Bari, Marevivo e Capitaneria di porto hanno promosso un incontro informativo che ha visto la partecipazione degli studenti dei licei e degli istituti nautici della città.

Sono intervenuti, tra gli altri: Carmela Pagano, Prefetto della Provincia di Bari, Antonio Decaro, sindaco della Città Metropolitana di Bari, Eugenio Di Sciascio, rettore Politecnico di Bari, Domenico De Michele, Ammiraglio Ispettore Direttore Marittimo Puglia e Basilicata jonica, Rosalba Giugni, presidente Marevivo, Pietro Mastrorilli, professore ordinario di Chimica del Politecnico di Bari, Federico di Penta, responsabile Relazioni Internazionali Marevivo, Angelo Tursi, professore ordinario di Biologia Università di Bari, presidente Conisma.

Per l’occasione è stata allestita anche una mostra divulgativa dal titolo “Mare mostro”: un mare di plastica?, nata sulla scorta dello studio della Blue Factory di Marevivo, composta da giovani studiosi e ricercatori dell’Università “La Sapienza” e che resterà a disposizione della Capitaneria.

Prossima tappa il 1° dicembre a Napoli, con la Capitaneria di Porto della città partenopea.

 

Ufficio Stampa Marevivo

063202949 – 3381090669