menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

Campagna di tutela della Posidonia Oceanica

Uno tra i fenomeni più gravi di degrado del Mediterraneo é senza dubbio quello legato all'attività di pesca a strascico che, svolta illegalmente in prossimità delle coste, distrugge le praterie di Posidonia. La Posidonia oceanica è una pianta marina caratteristica del Mediterraneo, che forma vaste praterie in cui trovano riparo diverse migliaia di specie animali. Inoltre, la Posidonia ha un ruolo fondamentale nella difesa dei litorali, in quanto, agendo da ammortizzatore nei confronti del moto ondoso, ostacola l'azione erosiva delle coste ad opera del mare.
Nel 1990 é partita l'operazione che ha previsto un intervento sperimentale di riforestazione con messa a dimora di talee per un'estensione di quasi 2.000 metri quadrati di fondale. Nel 1991 Marevivo ha poi esteso la campagna anche a livello internazionale cercando di realizzare azioni concrete di salvaguardia della pianta attraverso azioni sinergiche di intervento tra i paesi mediterranei. L'iniziativa si è avvalsa del contributo della Marina Militare Italiana che ha messo a disposizione le navi scuola Amerigo Vespucci e Palinuro e delle Poste Italiane che hanno realizzato per l'occasione un francobollo ed appositi annulli postali. Infine, a partire dal 1992, Marevivo ha realizzato, grazie al contributo dell'ENEL, un primo esperimento in cui piantine di Posidonia oceanica sono state riprodotte in vitro attraverso l'utilizzazione di tecniche di micropropagazione e di isolamento e coltura di protoplasti, ottenute da piante madri in natura. Questa tecnica innovativa ha indicato la possibilità di realizzare in tempi brevi la propagazione della Posidonia a partire da protoplasti ed embrioni sterili.
I risultati di questo esperimento sono stati presentati a Barcellona in occasione del XX Anniversario della Convenzione.
Visti i risultati positivi di questo esperimento e l'urgenza di un intervento di salvaguardia, Marevivo ha ritenuto necessario adoperarsi per la stesura di una proposta di legge per la sua tutela, e di sensibilizzare gli altri paesi del Mediterraneo affinché seguissero l'esempio dell'Italia e degli altri paesi - Spagna e Francia - dove una legislazione è già esistente. La legge è stata presentata nel 1997 dall'On. Pecoraro Scanio.

A scopo didattico-informativo, Marevivo ha prodotto e poi diffuso in molti paesi mediterranei un video tradotto in varie lingue.