menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

STOP ALLE TRIVELLE

LA CONCESSIONE ALLA PO VALLEY NEL RAVENNATE E’ UNA FORZATURA INTOLLERABILE
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato la società petrolifera Po Valley Operations ad ampliare un titolo già esistente – riperimetrando la superficie precedentemente concessa – estendendo così le attività di ricerca di gas e petrolio in mare entro le 12 miglia dalla costa, nonostante una legge del 2010 vieti tali attività entro questi limiti. L’area in cui la società australiana potrà trivellare passa – in barba ai vincoli normativi – da 197 chilometri quadrati a 526 chilometri quadrati. Nei giorni scorsi FAI, Greenpeace, Legambiente, Marevivo, Touring Club Italiano e WWF hanno risposto a questa forzatura presentando ricorso presso il TAR del Lazio contro i ministeri dello Sviluppo Economico, dell’Ambiente, delle Infrastrutture e dell’Agricoltura, e nei confronti della società PO Valley Operations PTY LTD, Regione Emilia Romagna, Comune di Ravenna e ISPRA, in merito alla concessione di un titolo per la ricerca in mare di petrolio e gas davanti alle coste della provincia di Ravenna.

Segue al link /news.asp?id=66&title=regolamento_mediterraneo_della_pesca0

 

INCIDENTE CALIFORNIA: ENNESIMA PROVA CHE IL MODELLO DEL PETROLIO NON PUO’ PIU’ FUNZIONARE - Marevivo alla manifestazione ‘NO TRIV’ a Lanciano

L’emergenza ambientale esplosa in questi giorni in California, dove Santa Barbara vede prospettarsi lo spettro di una nuova marea nera a causa della perdita di un oleodotto, è l’ennesima prova che dobbiamo accelerare la transizione verso un modello energetico senza fonti fossili.

Segue al link /news.asp?id=66&title=regolamento_mediterraneo_della_pesca2

 

NON SI PLACA L’OPPOSIZIONE DELLE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE E DEI SINDACI ALL’ART. 38 DEL DECRETO “SBLOCCA ITALIA”

Marevivo, Anci Sicilia, Soprintendente del Mare della Regione Siciliana, Wwf, Greenpeace, Legambiente, Mareamico, Federalberghi Sicilia,  ACI (Associazione Cooperative Italiane Sicilia Pesca), SIB (sindacato italiano balneari) si sono unite in presidio il 7 gennaio davanti l’ARS per esprimere il dissenso dei siciliani contro la decisione del governatore crocetta che autorizza le trivellazioni petrolifere nel mare di sicilia.

Segue al link /news.asp?id=62&title=toccata_l_economia_si_svegliera_la_politica_mondiale_sull_ambiente3