DAI FIUMI PER SALVARE Il MARE

La Campagna Marevivo #RisparmiamoPlasticaalMare
è nata per agire direttamente alla foce dei fiumi,
prima che la plastica raggiunga il mare

IL PROBLEMA

I fiumi contribuiscono
all’inquinamento del mare

L’80% della plastica che inquina i nostri mari arriva dall’entroterra, trasportata dai fiumi. Una volta in mare, il suo processo di deterioramento la trasforma in milioni di invisibili microplastiche che vengono confuse per cibo dagli animali marini, con conseguenze spesso fatali. Una volta ingerite entrano, quindi, a far parte della catena alimentare.

Partire dai fiumi
per salvare il mare

I fiumi, che rappresentano le grandi arterie del pianeta e che in passato rendevano possibile la vita, oggi si sono trasformati in nastri trasportatori di rifiuti di ogni genere che raccolgono nel loro tragitto e che inesorabilmente riversano in mare.  Una minaccia che, considerando i tempi di biodegradabilità della plastica, può durare anche 1000 anni.

La soluzione proposta
da Marevivo

La plastica in superficie rappresenta solo il 15%, il resto è disperso nei fondali ed è più difficile da recuperare.
Per mitigare l’inquinamento, quindi, la prima azione concreta è quella di posizionare sistemi di raccolta dei rifiuti alla foce di tutti i corsi d’acqua.

L’IMPEGNO DI MAREVIVO

Sistemi di raccolta
alla foce

Con l’installazione di appositi sistemi di raccolta della plastica alla foce dei fiumi che permettano di intercettare i rifiuti impedendo loro di arrivare in mare.

La petizione e
l’emendamento

Per chiedere che la legge Salva Mare venga approvata subito e contenga un emendamento mirato all’installazione di sistemi di raccolta alla foce per intercettare i rifiuti.

Pulizie e attività di
sensibilizzazione

Marevivo organizza pulizie lungo le rive dei fiumi e alla loro foce e attività di sensibilizzazione sull’importanza di ridurre i rifiuti e gli sprechi.

MA PER RAGGIUNGERE IL NOSTRO OBIETTIVO
ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO

Sostieni la campagna di Marevivo firmando la petizione
Basta Mangiare Plastica!

LE NOSTRE AZIONI

Le barriere “acchiappa plastica”

IL FIUME SALVA IL MARE

Un impegno dal 1988

Marevivo è impegnata in attività di raccolta rifiuti nei fiumi con attività sperimentali già dal 1988 quando fu posizionata in via sperimentale una barriera sul fiume Sarno. Nel 1992 invece l’associazione riuscì ad installare per alcuni giorni delle panne per bloccare e raccogliere le tonnellate di detriti che navigavano nelle acque del Tevere.e dal 2018 è parte del progetto sperimentale della Regione Lazio “Il fiume salva il mare” che è finalmente partito e che ha permesso di recuperare 1700 chili di plastica prima che finissero in mare. In soli quattro mesi, infatti, la quantità di rifiuti raccolti dalle barriere “acchiappa plastica”, è stata sorprendente. Al punto da spingere la Regione a trasformare l’iniziativa, nata come una sperimentazione di soli due mesi, in un progetto strutturale e a prevedere di sistemare un secondo dispositivo raccogli plastica sul fiume Aniene.

FOCE DEL FIUME PLATANI

Il primo sistema di raccolta dei rifiuti in Sicilia

La nostra iniziativa mira alla tutela della Riserva Naturale Foce del Fiume Platani, un’area ricca di bellezze naturalistiche, ma fortemente minacciata dall’inquinamento generato in gran parte dai rifiuti che il fiume trascina nel suo percorso, prima di raggiungere il mare. L’azione sul Platani è stata possibile grazie al progetto Halykòs – Prevenzione Ambientale e Valorizzazione della Foce del fiume Platani, realizzato con il sostegno della Fondazione CON IL SUD, che sostiene l’infrastrutturazione sociale per favorire lo sviluppo del Mezzogiorno. Il progetto, inoltre, rientra in pieno nelle priorità proposte a Bruxelles nell’ambito della Missione “Mari oceani ed acque interne” della Commissione europea finalizzata a prevenire, mitigare, diminuire la presenza di plastica in mare.

Consapevoli che per salvare il Pianeta, bisogna cominciare dal mare, origine della vita.

IMPEDIAMO
ALLA PLASTICA
DI ARRIVARE
AL MARE

IMPEDIAMO
ALLA PLASTICA
DI ARRIVARE
AL MARE

“I corsi d’acqua rappresentano non solo un luogo di passaggio obbligato per circa    l’80% della plastica malgestita, ma anche l’ultima zona presidiabile dall’uomo prima del grande blu. I corsi d’acqua e la sicurezza idrica, come detto nell’ultimo Forum Economico Mondiale rappresentano la ragnatela che tiene insieme la rete di sfide su cibo, energia, clima, crescita economia e sicurezza che l’economia mondiale dovrà affrontare in tutte le sue forme nel prossimi decenni”

Alex Bellini, Esploratore, Cavaliere del Mare di Marevivo con il suo progetto 10 rivers one ocean sta attraversando  i 10 fiumi più inquinati del pianeta, per documentare il viaggio che fa la plastica prima di arrivare al mare.

ALEX BELLINI
SUPPORTA
LA PETIZIONE
MAREVIVO

Cosa puoi fare

Sostieni e condividi  la nostra campagna per aiutarci nelle nostre azioni e sensibilizzare sul problema

Sostienici

Diventa volontario e partecipa alle nostre attività di pulizia alle foci dei fiumi

Diventa volontario

Firma la petizione “Basta Mangiare Plastica”. Un minuto del tuo tempo può aiutarci salvare il mare

Firma

Marevivo chiede che l’installazione delle
barriere alle foci dei fiumi diventi legge dello Stato.
Cominciamo dall’Italia, per dare l’esempio anche ad altri Paesi

Sostieni le nostre
campagne per la
difesa del mare

Dona Ora