Skip to main content

La formula per una gestione sostenibile delle risorse idriche del mondo

L’acqua è una risorsa da conoscere, valorizzare e proteggere. Per ridurre l’impatto antropico sull’acqua, è necessario aumentare le conoscenze dei cittadini, in particolare dei più giovani, attraverso percorsi di apprendimento attivo.
Marevivo è partner del progetto biennale “The Water Code – La formula per una gestione sostenibile delle risorse idriche del mondo”, promosso dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, che vede come capofila del progetto l’ONG Internazionale Helpcode Italia e altri 9 partner di rilevanza nazionale.

OBIETTIVO GENERALE

Contribuire allo sviluppo e al consolidamento di una concezione di cittadinanza intesa come appartenenza alla comunità globale, concorrendo in modo pragmatico al cambiamento individuale e collettivo per la creazione di un mondo più sostenibile e giusto.

OBIETTIVI SPECIFICI

L’obiettivo è permettere a studenti di scuole primarie e secondarie di I e II grado, insegnanti e cittadini di acquisire conoscenze, competenze, attitudini e comportamenti necessari a promuovere lo sviluppo sostenibile, la tutela dell’ambiente e la mitigazione dell’impatto antropico sui fiumi, laghi e mari nel mondo.

A CHI SI RIVOLGE

l progetto si rivolge ad insegnanti, studenti e studentesse di scuole primarie, secondarie di I e II grado, comunità scolastiche, amministratori locali e cittadinanza di 9 Regioni distribuite tra nord, centro e sud Italia: Liguria, Piemonte, Lombardia, Trentino Alto-Adige, Lazio, Toscana, Umbria, Calabria, Sicilia, con un’apertura alla partecipazione di tutto il territorio nazionale, grazie alle possibilità offerte dagli strumenti digitali.

PARTNER COINVOLTI NEL PROGETTO

CHANGEMAKER HACKATHON

L'ATTIVITÀ DI MAREVIVO

Una “maratona delle idee” per stimolare un vero cambiamento culturale che vada nel senso della valorizzazione e conservazione della risorsa Acqua: questa la proposta di Marevivo per coinvolgere studenti e studentesse di 6 Istituti Nautici in Sicilia, Puglia, Toscana e Liguria, attraverso un format innovativo, con l’obiettivo di far emergere idee e possibili soluzioni. Protagonisti della “competizione” ragazzi e ragazze dei vari Istituti Nautici che sono stati suddivisi in sottogruppi.

Ogni gruppo, guidato dai facilitatori di Marevivo, ha sviluppato il proprio lavoro, partendo da spunti di riflessione condivisi con i docenti sulla base delle emergenze ambientali attuali. Tra tutti i lavori, sono state 6 le migliori idee selezionate dal comitato valutativo Marevivo – una per istituto – per la qualità dello svolgimento e delle tematiche scelte. Sono stati infatti proposti dai vincitori modelli di sistemi per raccogliere i rifiuti in mare e per controllare i consumi di acqua domestica giornalieri, spot di comunicazione per sensibilizzare sull’inquinamento da plastica in mare e approfondimenti su problematiche urgenti come le reti fantasma abbandonate sui fondali.

LE ATTIVITÀ DEL PRIMO ANNO | 2023

Durante il primo anno, “The Water Code” ha coinvolto circa 400 giovani studenti e studentesse, divisi in 72 team, dei seguenti istituti nautici.

ISTITUTI COINVOLTI

TEMATICHE PROPOSTE

  • Contrasto dell’impatto della plastica in mari/fiumi/laghi
  • Proteggere la biodiversità marina/lacustre/fluviale
  • Contrasto del cambiamento climatico in ambito professionale
  • Risparmio di acqua
  • Diffondere, promuovere, sensibilizzare

LE IDEE VINCITRICI

  • Elettricità naturale – Istituto Galilei – Artiglio – Viareggio (scarica .pdf)
  • #unmondopiùpulito – Istituto Caio Duilio – Messina (scarica .pdf)
  • IPSCA (Innovazione per la salvaguardia del consumo dell’acqua) – Istituto Capellini – Sauro – La Spezia (scarica .pdf)
  • Navi spazzine e droni – Istituto Caracciolo – Bari (scarica .pdf)
  • Shell Plow – Istituto Da Vinci – Milazzo (scarica .pdf)
  • Chip di rilevamento – Istituto Nautico M.Colonna – Roma (scarica .pdf)

Partner

L'EVENTO FINALE

I progetti vincitori sono stati presentati da studenti e studentesse durante l’evento finale che si è svolto ieri pomeriggio presso la Sala Polifunzionale di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, uno dei maggiori centri europei di documentazione e ricerca nel campo delle scienze storiche, politiche, economiche e sociali, partner di “The Water Code”. In questa occasione di condivisione, i ragazzi e le ragazze coinvolti/e hanno avuto anche l’occasione di ricevere feedback da parte di un gruppo di ricercatori, imprenditori, politici, amministratori e investitori, selezionati dalla Fondazione nell’ambito dell’Osservatorio sulle idee e pratiche per un futuro sostenibile e della Scuola di cittadinanza europea.

Vai alla pagina ufficiale del progetto

The Water Code page