Il countdown che indica quanto tempo resta alla Terra per salvarsi dai cambiamenti climatici segna inesorabilmente il «punto di non ritorno» e ci ricorda che abbiamo meno di 7  anni per riuscire nell’obiettivo di ridurre le emissioni del gas serra del 50% entro il 2030 e salvare il clima impazzito del pianeta con progetti di energia rinnovabili.

In questa prospettiva è intenzione di Marevivo portare avanti la campagna Sole, Vento e Mare – energie rinnovabili nelle Isole minori e nelle Aree Marine Protette nella Transizione Ecologica.

Countdown – Punto di non ritorno per la Terra

Dal sito ufficiale Climateclock.World

La Campagna nasce nel 2008 per promuovere idee progetto innovative di produzione energetica da fonti rinnovabili ed altre tecnologie sostenibili per le isole minori e le aree marine protette rivolto a singoli progettisti e studenti ed è caratterizzato da una particolare attenzione al miglioramento delle qualità ambientali e al rispetto del paesaggio.

OBIETTIVI

Coinvolgere e sensibilizzare le comunità isolane: le isole minori sono luoghi ideali per lo sviluppo di politiche sostenibili che affrontino il problema della gestione del mare e delle attività ad esso connesse.

Diffondere risultati di progetti esemplari realizzati che rappresentano una best practice replicabile che abbiano come caratteristica l’integrazione delle fonti energetiche rinnovabili utilizzate nell’ambito della transizione ecologica.

Confermare il ruolo strategico dei territori isolani nella transizione energetica. Individuare casi in cui sostenibilità ambientale ed economica coesistano in linea con il Recovery Fund
Contribuire a ridurre le emissioni di gas serra del 50% entro il 2030

Creare attraverso dei webinar più conoscenza sul tema delle energie rinnovabili e quali sono le prospettive dal punto di vista ambientale ed economico coinvolgendo le istituzioni, le aziende, le associazioni e il mondo politico.

Guarda i webinar

È stato presentato a Salina il 10 settembre 2021 all’interno della manifestazione Green Salina Energy Days (scarica il programma) e si inserisce nell’ambito dell’iniziativa Salina Isola Pilota dell’Unione Europea, per la transizione verso l’energia pulita e la sostenibilità al 2030 di cui Marevivo è Partner. Costituisce una delle azioni previste dalla “Road map elaborata per indicare un cammino virtuoso verso una maggiore autosufficienza e sostenibilità.

L’obiettivo dell’edizione 2021,  individuare, selezionare e premiare progetti di sistemi energetici sostenibili a livello internazionale che abbiamo le giuste caratteristiche di integrazione delle tecnologie energetiche a fonte rinnovabile,  degli aspetti eco sistemici ed in linea con gli obiettivi programmatici della transizione ecologica.

Nella serata del 10 settembre  al Teatro Cavea di Punta Megna di Leni si è tenuta la Cerimonia di Premiazione dei progetti internazionali selezionati, in linea con gli obiettivi programmatici della transizione ecologica.

L'iter per arrivare ai vincitori

La Segreteria Tecnica

A fronte di 80 progetti selezionati in tutto il mondo, la Segreteria Tecnica, costituita da esperti con specifica competenza negli ambiti di interesse del Premio, ha provveduto ad individuare 23 progetti da sottoporre al Comitato di Selezione per la valutazione finale e l’assegnazione del Premio.

Il Comitato di Selezione

ha quindi proceduto ad esaminare nel dettaglio le caratteristiche dei progetti individuati dalla Segreteria Tecnica, al fine di selezionare le 6 candidature (nomination) da sottoporre a due Giurie.

La scelta dei vincitori

Le Giurie hanno scelto i vincitori secondo gli elementi che rendono i Sistemi Energetici replicabili nel metodo di progettazione, implementazione ed esercizio dei Sistemi Energetici realizzati.

I Premi

Il Premio A

A Bornholm in Danimarca e all’isola di Tilos in Grecia

Il premio A, un ex aequo per il miglior sistema energetico sostenibile in cui è realizzata una forte integrazione delle fonti di energia rinnovabile con attenzione al rispetto degli ecosistemi e dello sviluppo socioeconomico del territorio..

Il Premio B

Il premio B per il miglior sistema energetico sostenibile con una particolare attenzione al rispetto dell’ambiente e del paesaggio se lo aggiudica l’isola di Samsø in Danimarca.

Il Premio Ancim

Il premio ANCIM (Associazione Nazionale dei comuni delle Isole Minori) è stato conferito all’isola di Aran in Irlanda in quanto miglior sistema energetico in cui è enfatizzato il ruolo chiave delle Comunità residenti nella predisposizione di Piani di sviluppo sostenibile locale con il coinvolgimento della popolazione residente.

Il Premio speciale

Il premio speciale è stato attribuito alle piccolissime comunità locali delle isole di Canna in Scozia e Palawan nelle Filippine.

Le Giurie

PREMIO A e B

Presieduta da Rosalba Giugni, Presidente Marevivo e composta da: Alessandra Todde – Vice Ministra Ministero per lo Sviluppo Economico; Laura D’Aprile – Capo Dipartimento Ministero della Transizione Ecologica; Livio De Santoli – Presidente del Comitato di selezione, Prorettore dell’Università di Roma “La Sapienza”; Alfonso Pecoraro Scanio – Presidente Fondazione Univerde; Ermete Realacci – Presidente della Fondazione Symbola; Edo Ronchi – Presidente Fondazione Sviluppo Sostenibile; Francesco Cappello – Promotore Salina Isola Pilota 2019

PREMIO ANCIM

La giuria del premio ANCIM è costituita dai sindaci di Giglio, Ventotene, Leni, Malfa e Santa Marina Salina.

Alcuni contributi video

Carlo Tricoli

Coordinatore Settore Energia Marevivo

Livio De Santoli

Presidente del Comitato di selezione, Prorettore dell’Università di Roma “La Sapienza”

Alfonso Pecoraro Scanio

Presidente Fondazione Univerde

Andrea Porchera

Relazioni istituzionali Renexia SPA

Ulteriore elemento a sostegno di un’economia circolare è il nuovo dispositivo Green Plasma della società IRIS srl che produce energia elettrica pulita utilizzando come fonte i rifiuti nell’ottica dello sviluppo di un’economia circolare.

 

Guarda il video

Programma della serata di premiazione

Il Premio è stato organizzato con

GUARDA LE EDIZIONI PRECEDENTI

2011

Categoria A – Tipologia I
Terzo ClassificatoAgosti Chiara – (“Riserva Naturale Isole dello Stagnone di Marsala”)
Motivazione: la Giuria ritiene di attribuire una menzione al progetto in esame in riferimento all’analisi del territorio nei suoi aspetti ambientali e sociali e per la proposta di un componente di microgenerazione eolica dal design innovativo, contraddistinto da elementi polifunzionali che lo rendono utilizzabile, all’interno di un percorso naturalistico, quale parcheggio bici, ricarica di dispositivi portatili, pensiline ombreggianti, pannelli informativi ecc..

Categoria B – Tipologia I
Primo ClassificatoCosten S.r.l. – (“Wind Trees”)
Motivazione: l’idea si caratterizza per aver saputo trasformare una necessità (torri di segnalazione di ingresso ai porti ) in opportunità (elementi di captazione del vento) 2/2 attraverso un oggetto dal design innovativo che, inserendosi nel contesto paesaggistico, può fornire una quota di energia anche alle utenze portuali.

Categoria B
 – Tipologia II
Primo ClassificatoRICCISPAINI Architetti Associati S.r.l. (“ECODEHOR”)
Motivazione: meritevole l’idea progettuale, da inserirsi nella categoria B-II, che prevede la realizzazione di manufatti per servizi portuali e/o turistici, alimentati da energie rinnovabili (moto ondoso e solare termico), in un contesto di non particolare pregio, creando delle opportunità di riqualificazione dello stesso. Appare replicabile anche in altri contesti la soluzione tecnologica che prevede l’integrazione della camera di captazione dell’impianto OWC nei moli.

Categoria B – Tipologia II
Secondo ClassificatoGruppo UNIPR (“E-Piers” – Isola di Palmaria)
Motivazione: la soluzione progettuale in esame è apprezzabile in quanto sfrutta dei manufatti necessari e già presenti in loco (pontili) per produrre energia con una tecnologia già collaudata (che impiega il moto ondoso). L’integrazione nel paesaggio è meritevole di maggiore attenzione in riferimento alla scelta dei materiali.

2010

Categoria B – Tipologia I
Primo Classificato: Gruppo Pandolfo – (“Pettine di Venere”)

Elemento innovativo di arredo urbano con funzionalità pratiche, inseribile in contesti tipici delle località marine.
Secondo Classificato – Gruppo Sartogo Architetti Associati – Associazione professionale (“Le lune di Capri”)
Rivisitazione di un classico elemento di arredo urbano, il lampione, tramite l’impiego di semplici geometrie dai tratti innovativi e di tecnologie a risparmio energetico.
Categoria B – Tipologia II
Primo Classificato: Gruppo Colarossi – COFFICE Studio di Architettura e Urbanistica (Pensiline aree portuali)

Pannelli fotovoltaici collegati e sorretti da strutture dal design innovativo, inseribili in contesti portuali.
Categoria B – Tipologia III
Primo Classificato – Gruppo Pardi (Sistema impiantistico per l’isola di Capraia)

Sistema impiantistico atto a soddisfare i consumi energetici dell’isola di Capraia (LI), che integra diverse fonti rinnovabili, in cui il sole è la fonte predominante, sfruttando la morfologia e le caratteristiche storico-culturali del territorio isolano.
Secondo Classificato – Gruppo Sartogo Architetti Associati – Associazione professionale (“I numeri di via Krupp”)
Sistema di illuminazione “lineare” della Via Krupp di Capri, percorso naturale di particolare pregio paesaggistico.
Categoria C – Tipologia II
Primo Classificato: DYAQUA Art Studio (Componenti fotovoltaici)

Nuovi oggetti edilizi, la cui parte attiva è totalmente mimetizzata e quindi particolarmente adatta ad applicazioni di integrazione architettonica del fotovoltaico in contesti di particolare pregio.

2008

Marevivo ha realizzato a Capri nell’ottobre del 2008 (un convegno finalizzato a promuovere una gestione efficiente e sostenibile del sistema energetico insulare, a seguito del quale è stato stipulato un protocollo d’intesa triennale 2010-2013 tra: Marevivo, Ministero dei Beni Culturali, Ministero dell’Ambiente, GSE, ENEA, CITERA-Università di Roma La Sapienza che ha previsto la realizzazione di un concorso internazionale di idee rivolto a studenti, progettisti e imprese. Il concorso è finalizzato ad incentivare la ricerca di soluzioni che riescano a coniugare l’utilizzo di sistemi/impianti energetici per la produzione di energia da fonti rinnovabili con la tutela e la valorizzazione dei caratteri tipologici dell’architettura e del paesaggio mediterraneo.