Il vicepresidente di Marevivo Fabio Galluzzo è tra i vincitori della XX edizione del Trofeo del Mare, International Maritime Awards.

Agri­gen­ti­no di na­sci­ta, Fabio Galluzzo da anni gui­da la de­le­ga­zio­ne si­ci­lia­na di Ma­re­vi­vo; a lui si deve il suc­ces­so di nu­me­ro­se cam­pa­gne di edu­ca­zio­ne am­bien­ta­le che han­no vi­sto la Si­ci­lia dare il me­glio di sé in ter­mi­ni di ri­spet­to del­l’am­bien­te.

Con una af­fia­ta­tis­si­ma squa­dra di vo­lon­ta­ri viag­gia in lun­go e in lar­go per la re­gio­ne cer­can­do di coin­vol­ge­re quan­ta più gen­te pos­si­bi­le in quel­la che oggi è di­ve­nu­ta una emer­gen­za ed una ne­ces­si­tà prio­ri­ta­ria: la lot­ta al­l’in­qui­na­men­to am­bien­ta­le.

Al suo in­ter­ven­to si deve la rea­liz­za­zio­ne in Si­ci­lia di tut­te le cam­pa­gne di sen­si­bi­liz­za­zio­ne lan­cia­te da Ma­re­vi­vo a li­vel­lo na­zio­na­le per fre­na­re la gran­de ma­lat­tia del no­stro mare, per ri­dur­re l’u­so del­la pla­sti­ca, per bloc­ca­re l’ab­ban­do­no  di ri­fiu­ti in spiag­gia e lun­go gli ar­gi­ni dei cor­si d’ac­qua; a lui  va an­che il me­ri­to di aver sol­le­ci­ta­to gli in­ter­ven­ti re­gio­na­li per fre­na­re l’e­ro­sio­ne co­stie­ra, pre­ve­ni­re gli in­cen­di bo­schi­vi, pre­ser­va­re la bio­di­ver­si­tà, bloc­ca­re la pe­sca il­le­ga­le, crea­re dei cen­tri di edu­ca­zio­ne am­bien­ta­le vi­sti come pa­le­stre di vita, di edu­ca­zio­ne e ri­spet­to per tut­to ciò che rap­pre­sen­ta il bene co­mu­ne.

Que­sto e tan­to al­tro an­co­ra è sta­to rias­sun­to nel­la men­zio­ne del­la giu­ria: “Per il suo in­stan­ca­bi­le e ge­ne­ro­so im­pe­gno nel­la di­vul­ga­zio­ne e nel­le at­ti­vi­tà di sal­va­guar­dia de­gli am­bien­ti ma­ri­ni, per le at­ti­vi­tà di pro­mo­zio­ne e va­lo­riz­za­zio­ne dei va­lo­ri del­la di­fe­sa am­bien­ta­le tra le gio­va­ni ge­ne­ra­zio­ni, per le sue cam­pa­gne in fa­vo­re del­la co­stru­zio­ne di un fu­tu­ro so­ste­ni­bi­le, per es­se­re straor­di­na­rio te­sti­mo­ne e cu­sto­de del­la ci­vil­tà del Mare”.

Sono estre­ma­men­te fe­li­ce del­l’as­se­gna­zio­ne del pre­mio – di­chia­ra Fa­bio Gal­luz­zo – che con­di­vi­do con la gran­de e in­stan­ca­bi­le squa­dra di per­so­ne che la­vo­ra­no con me; sen­za la loro col­la­bo­ra­zio­ne e la loro pas­sio­ne ogni mio sfor­zo sa­reb­be vano. La­vo­ran­do come in­se­gnan­te ho un so­gno nel cas­set­to, quel­lo di ve­de­re le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni am­ba­scia­tri­ci del buon sen­so e di un rin­no­va­to sen­so di ri­spet­to ver­so il mare e tut­to l’am­bien­te na­tu­ra­le e spe­ro che la scuo­la pos­sa di­ve­ni­re sem­pre di più il luo­go dove da un lato si ap­pren­do­no co­no­scen­ze e si ac­qui­si­sco­no com­pe­ten­ze, e dal­l’al­tro il luo­go pri­vi­le­gia­to dove s’im­pa­ra a di­ve­ni­re cit­ta­di­ni più at­ten­ti e re­spon­sa­bi­li”.