Dal 2 al 4 ottobre, a Punta Ala, prendono il via la 36esima Coppa Italia Elway di altura Gavitello d’Argento e il trofeo Challenge Challenge Bruno Calandriello presso il club Yacht Punta Ala organizzato dal Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, dall’UVAI – Unione Vela d’Altura Italiana – e dallo stesso club di Punta Ala.

Le regate si svolgeranno nelle acque antistanti la Marina di Punta Ala con prove a bastone e/o costiere e fra le oltre 25 barche in gara sarà presente, con il numero di prua 15, l’imbarcazione First 40 di Gianrocco Catalano che gareggia da oltre un anno – ottenendo piazzamenti da podio – per Marevivo onlus, con le insegne di “Tevere Remo -Marevivo”.

L’armatore Catalano ha sin dall’inizio condiviso e fatta propria la battaglia di Marevivo contro la plastica usa e getta, rendendosi disponibile, attraverso la propria esperienza sportiva, ma non solo, a richiamare l’attenzione sull’inquinamento da plastica e su quanto comportamenti sconsiderati rechino gravissimi danno al mare e ai suoi abitanti.

Anche quest’anno la sua imbarcazione, con i delfini di Marevivo disegnati sulla prua, si presenterà in gara rispettando tutti i requisiti previsti dalla campagna “Regate Plastic Free e non solo” che l’associazione sta portando avanti da due anni per sensibilizzare il mondo delle regate e della nautica da diporto in genere, sulla necessità, ormai improcrastinabile, di acquisire comportamenti sostenibili per la salute del Pianeta blu e dell’uomo.

Il Responsabile Nazionale della Divisione Vela di Marevivo, Nicola Granati nel ringraziare l’amico Catalano,invita tutti a scaricare ed utilizzare l’APP “Occhio al Mare” – messa a punto da Marevivo e da LIV (Lega Italiana Vela) e disponibile per i sistemi Android e IOS. Uno strumento utilissimo che regatanti e diportisti potranno avere a disposizione per aiutare l’associazione a monitorare lo stato delle acque segnalando e foto-identificando specie marine, ma anche rifiuti.