È stata presentata oggi a Roma, alla presenza del ministro, Patrizio Bianchi, e della Sottosegretaria, Barbara Floridia, la Green Community, la rete nazionale voluta dal Ministero dell’Istruzione per collaborare con l’Amministrazione e le scuole di tutto il territorio nazionale nella realizzazione del Piano “RiGenerazione scuola”, il piano per la transizione ecologica e culturale delle scuole.

Il Piano mira a rigenerare la funzione educativa della scuola per ricostruire il legame fra le diverse generazioni, per insegnare che lo sviluppo è sostenibile se risponde ai bisogni delle generazioni presenti e non compromette quelle future e per imparare ad abitare il mondo in modo nuovo. La scuola crea, quindi, non solo il nuovo alfabeto ecologico ma si trasforma in un luogo nel quale si azzerano i conflitti tra le generazioni e si impara a crescere in modo sostenibile.

L’evento di lancio si è svolto a Villa Piccolomini, ed è stato trasmesso in diretta streaming sul sito e sui canali social del Ministero.

Marevivo con le sue biologhe marine ha intrattenuto gli studenti con attività di educazione ambientale centrate sulla biodiversità marina e sul problema dell’inquinamento del mare, uno dei problemi ambientali oggi non più differibili. «L’umanità sta vivendo tre crisi gravissime: quella sanitaria, quella economica e quella ambientale, che è la più urgente, perché causa di tutte le altre», ha dichiarato la presidente di Marevivo, Rosalba Giugni. «L’educazione rappresenta la nostra stella polare», ha continuato la presidente di Marevivo.

«La nostra associazione, infatti, da quasi quarant’anni si adopera per portare nelle scuole la propria esperienza. Il nostro obiettivo è creare una “generazione oceano”. Il problema ambientale è planetario e va affrontato subito! Per questo siamo fiduciosi che il nuovo piano del ministero, “RiGenerazione Scuola”, possa diffondere in modo capillare su tutto il territorio nazionale il nostro know-how che siamo onorati di mettere a disposizione per il bene della collettività», ha concluso Rosalba Giugni.