menu di scelta rapida

page image

torna al menu di scelta rapida

CAMPAGNA SOS DELFINI

Continua l’impegno di Marevivo e LAV contro la cattività dei mammiferi marini.

Il progetto SOS DELFINI è promosso in Europa della Born Free Foundation ed è stato lanciato in Italia nel 2013 da Marevivo e LAV con l’obiettivo di portare all’attenzione della società civile il tema della cattività dei delfini ed il loro sfruttamento a scopi di intrattenimento commerciale.
 

Sino ad oggi il progetto SOS Delfini ha permesso di focalizzare l’attenzione sui temi della cattività, delle violazioni riscontrate nelle strutture, a seguito delle investigazioni svolte da parte delle associazioni, che hanno di fatto permesso di evidenziare la mancata funzione educativa, di ricerca o di conservazione della specie, che, facendo invece spettacolo, si traduce nel mancato rispetto della legge. Un inganno che i potenziali visitatori devono conoscere.

Anche se dichiarano di avere una funzione di educazione e informazione, in realtà studi svolti da diverse organizzazioni, anche a livello europeo, mostrano che il livello di educazione proposto da acquari e delfinari è minimo, mentre prevalente è la finalità commerciale.

E questo è certamente stato di supporto alle attività del Corpo Forestale per la brillante operazione che ha portato al sequestro dei 4 delfini di Rimini, attualmente in custodia all’Acquario di Genova e alla successiva chiusura del delfinario stesso.

I delfini sono straordinari animali selvatici che percorrono oltre 100 km al giorno nei mari e negli oceani. Estremamente intelligenti e con una loro coscienza e sensibilità, vivono in gruppi regolati da dinamiche complesse e comunicano fra loro con un linguaggio articolato come quello umano.  

Rinchiusi in vasche , in una condizione che non può riprodurre l’ambiente naturale in cui i delfini vivono, né può soddisfare le loro esigenze biologiche e di conservazione, questi incredibili animali non possono raccontare a tutti coloro che vanno a vederli nei delfinari la loro vera natura, i comportamenti né quindi trasmettere quel senso di libertà che soltanto il mare possono garantire loro.

 

Vedere i delfini in libertà è assolutamente possibile, come nel Santuario Pelagos, la prima area protetta d’alto mare del mondo, che vanta probabilmente la maggior concentrazione di balene e delfini del Mediterraneo o nel Golfo di Taranto

 

LA NORMATIVA

L’Italia è il paese che ha, in questo senso, la normativa più ristretta, ma anche la più disattesa.

Le norme di riferimento sono il decreto ministeriale 469 del 2001 che in particolare ha stabilito i criteri per il mantenimento in cattività dei delfini e il Decreto Legislativo 73 del 2005 attuativo della Direttiva Comunitaria Zoo n. 22 del 1999 (Le norme di riferimento a livello europeo sono la direttiva Zoo n. 22 del 1999, che comprende anche i delfinari e il regolamento europeo CITES sul commercio internazionale di specie protette).

IMMAGINI